Imperia, da Indipendenza no all’apertura del CPR nell’ex caserma Camandone

Questa mattina alla manifestazione contro l’apertura del Centro di Permanenza e Rimpatrio erano presenti alcuni appartenenti al Partito Indipendenza, precisamente il Capogruppo in Consiglio Comunale di Imperia nonché
membro della Direzione Nazionale Luciano Zarbano, il Coordinatore Cittadino di Imperia Marco
Angeloni e un militante con incarichi di coordinamento della Zona del Dianese Maurizio Pace. Con
la loro partecipazione hanno testimoniato la solidarietà agli abitanti della zona e la contrarietà
all’apertura di questo centro. “Si tratta di una scelta sbagliata e riteniamo che sia dovere di tutti
impegnarci per evitare che ciò accada” dicono gli intervenuti alla manifestazione. “Crediamo che
tutto il Ponente ligure, località a forte vocazione turistica, non debba subire le conseguenze negative
della presenza di un Centro di Permanenza e Rimpatrio. Ricordiamo che il turismo è una risorsa
fondamentale per tutto il territorio soprattutto durante la stagione estiva, non esisteranno zone
franche, tutto ciò causerà un impatto negativo sul nostro tessuto economico, sociale e turistico. Per
questo motivo, con la nostra presenza, vogliamo contribuire a sensibilizzare le autorità competenti a
considerare altre opzioni, preservando così la vocazione turistica di tutta la zona. Siamo fiduciosi
che la notevole presenza di partecipanti alla manifestazione sia motivo di ripensamento da parte di
chi ha preso questa unilaterale decisione”, concludono i tre membri del Partito Indipendenza.

Lascia un commento

Chi Siamo

Benvenuti sul Giornale del Limonte. Siamo tre redattori che hanno la passione di condividere e chiacchierare le ultime notizie del Piemonte e della Liguria, in particolare sulle province piemontesi di Alessandria, Asti e Cuneo, passando per Genova, La Spezia, Imperia, Savona e molto altro.

Le scelte degli editor

@2023 | Il Giornale del Limonte | Tutti i diritti riservati | Powered by Callidus Pro